i pini di Aquilino è un posto felice e spartano dove domina la natura: c’è il bosco e soprattutto il bosco.
Un piccolo fabbricato agricolo, quasi un rifugio, è la sua area-accoglienza; una tettoia disegna l’aula didattica. Il suo arredo è fatto di strutture sospese, attrezzi eco-dinamici, postazioni di tiro con l’arco.  Le sue piazze sono i piccoli orti produttivi, le sue strade ideali sono i percorsi naturalistici e ludici.  Un gazebo con tavoli e panche, a cui si aggiunge il lusso di un grill, formano l’area ristoro fai-da-te.
Vi si pratica l’immersione nel verde, il sollevamento del corpo e della mente, l’avventura della sopravvivenza, l’osservazione di piante selvatiche come sorbi, ciliegi, biancospini e di animali come il picchio rosso, il barbagianni, lo scoiattolo rosso.
i pini di Aquilino non è un parco divertimenti, eppure è un gioco continuo. Un gioco come l’uso delle attezzature, le feste, gli eventi.  E anche un gioco organizzato, come i corsi per ragazzi e adulti: percorsi formativi,  outdoor training, campi survival.
Non a caso il suo claim è “outdoor  didattica  evasione”.

guarda la mappa del campus